Visitare Bonn

Bonn per oltre 40 anni è stata la capitale di quella che era la Germania federale, contrapposta alla Repubblica Democratica di Germania, la DDR meglio conosciuta come Germania dell’Est. A parte le notevoli ed importanti notte storiche, Bonn presenta ai visitatori significativi e mirabili attrazioni di carattere squisitamente turistiche, una città certamente da visitare e da godere.

Bonn Capitale della Germania

La seconda guerra mondiale ha portato sconvolgimento nel suo corso e ancora dopo il suo termine, con gli accordi di Yalta che hanno ridisegnato la geografia mondiale.

La Germania è stata divisa in due parti, una sotto il controllo delle organizzazioni occidentali, l’altra sotto il controllo sovietico. In questo contesto la Germania occidentale ha scelto di assumere come sua Capitale Bonn, una città non tanto distante da Berlino, a sua volta divisa in quattro settori.

Bonn è stata quindi Capitale della Germania federale dal 1949 al 1990, anno in cui a seguito della riunificazione delle due Germanie con la caduta del famigerato Muro di Berlino, la Capitale è stata spostata a Berlino. Bonn ha quindi perso il suo primato politico ma ha puntato maggiormente sulla cultura e sul turismo.

Cosa vedere a Bonn

Bonn è una città che offre molto ai turisti, a partire dal Castello di Poppelsdorf per finire alla Casa del celebre compositore Beethoven. Ti proponiamo alcune delle cose principali che potrai vedere a Bonn.

Castello di Poppelsdorf e Casa della Storia

Il Castello fu realizzato tra il 1715 e il 1753 su progetto di un architetto francese e fu residenza dell’arcivescovo Clemens August. Per giungere al Castello bisogna percorrere un lungo viale fiancheggiato da alberi di castagno.

Bellissimo il Giardino Botanico che si trova proprio dietro al Castello, gestito dall’Università cittadina, che contiene oltre 8000 specie vegetali tra cui moltissime specie protette.

Haus der Geschichte è il nome tedesco della Casa della Storia, un museo di storia contemporanea. Al suo interno una mostra permanente dedicata alla storia tedesca dall’immediato dopoguerra ai giorni attuali e altre mostre temporanee su diverse tematiche.

Questo Museo è facilmente raggiungibile con la Metro e attrae ogni anno oltre un milione di visitatori in parte anche grazie all’ingresso gratuito ma la mole di visitatori indica il notevole interesse che il Museo stesso suscita.

La Cattedrale di Bonn

I tedeschi che costruirono questa mirabile Cattedrale vollero dedicarla ai Santi Cassio e Fiorenzo. La Cattedrale è il simbolo della città a testimoniare il carattere devoto dei suoi abitanti ma rappresenta anche un importante esempio di architettura romantica tedesca.

La sua origina affonda le radici nell’epoca Carolingea ma nel 1050 andò completamente distrutta. Gli abitanti non si persero d’animo e la ricostruirono. Questo portò ad avere una Cattedrale in due stili diversi: la facciata è sempre in stile romantico tedesco mentre nell’interno spicca lo stile gotico.

Si dice che un illustre cittadino di Bonn, un certo Ludwig Van Beethoven abbia preso lezioni nella Cattedrale di grammatica, logica e retorica grazie ai Padri che gestivano all’epoca questa bella e importante Cattedrale.

Municipio vecchio e Casa di Beethoven

Negli anni in cui Bonn è stata Capitale tedesca, il Governo si riuniva nel Municipio Vecchio che risale come costruzione al 1738. Si tratta di una bella costruzione in stile Rococò che si affaccia sulla Piazza del Mercato o Marktplatz dove oggi si tiene periodicamente un vivace mercatino. Nei locali presenti nella piazza potrai gustare una specialità tedesca, il Pretzel accompagnato da un’eccellente birra locale.

Interessante da visitare è la Casa di Beethoven; nella visita potrai vedere una collezione notevole di oggetti appartenuti al Grande Maestro che a Bonn ebbe i natali e visse gran parte della sua vita.

L’ingresso ha un costo di 6 Euro e comprende non solo la visita alla Casa ma anche l’ingresso alle tante Mostre temporanee che vengono periodicamente allestite all’interno di questa abitazione che è oggi un museo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *