Visitare Veszprém

L’Ungheria è un paese di medie dimensioni e con una popolazione parecchio limitata rispetto all’Italia ma con molte bellezze naturali e non è una storia antica anche se per la maggior parte sotto il dominio straniero, in particolare austro ungarico. Tra le città dell’Ungheria, tutte valide dal punto di vista turistico ma trascurate, oggi parliamo di Veszprém.

Dove si trova Veszprém

Ti proponiamo un viaggio in auto per arrivare a Veszprém. Si valica il confine italiano a Tarvisio, in Friuli per scendere in territorio austriaco e arrivando nella cittadina di Klagenfurt, in riva ad un bellissimo e vasto lago. A Klagenfurt puoi approfittare per visitare il Minimondo.

Si tratta di un’area in cui sono ricostruiti i maggiori monumenti mondiali in miniatura, una passeggiata tra le bellezza mondiali che attirano ogni anno milioni di persone e che qui hai ai tuoi piedi.

Continua il viaggio verso la città di Graz e qui ti consigliamo una sosta per la notte e una visita alla città, bella da vedere, affascinante con l’illuminazione serale, quando il sole comincia a non esserci più e tutto assume contorni meno definiti e un aspetto particolarmente affascinante.

Il giorno successivo ti rimetti in viaggio e rapidamente oltre al confine ungherese ti trovi a Veszprém. Questa città dell’Ungheria si trova a nord del lago Balaton, il “mare d’Ungheria”.

Come è Veszprém

Veszprém è ritenuta una delle più belle città ungheresi ma non è molto frequentata dai turisti, per cui la tua sarà una visita particolarmente tranquilla. Qui la storia ha lasciato notevoli tracce, si possono vedere le prime pietre del castello della città mentre le stradine strette e tortuose raccontano di una vita medievale confermata anche dai tanti edifici dell’epoca che puoi ammirare.

A Veszprém sorse la prima cattedrale ungherese ma puoi anche ammirare la “Torre del Fuoco“. Veszprém è anche il luogo dove d’estate si tengono numerosi concerti e tanti altri eventi di vario genere, sempre improntati alla cultura.

Non è per niente che questa città è stata nominata Capitale della Cultura 2023 e già a gennaio sono partiti i lunghi preparativi che porteranno a celebrare degnamente questo importante riconoscimento internazionale.

Cosa vedere a Veszprém

La città non ha una cosa eclatante che ne fa una meta da vedere, tutta la città nel suo insieme è da vedere, immergendosi nell’atmosfera storica e antica eppure così vivace che ti fa venire voglia di vivere la città.

Sono molti i musei presenti in città ma anche i teatri che gli ungheresi frequentano con regolarità, tutto un po’ disseminato tra le ville della collina su cui sorge la città. Ti consigliamo di vedere la Masterpiece Gallery, dedicata all’arte contemporanea ungherese che ospita numerose opere caratterizzate soprattutto dalle tendenze costruttiviste e astratte.

Da non mancare nemmeno una visita ala Tejfalussy House dove ammiri la collezione della Beata Gisella di Baviera e al Deszo Laczko Museum dove trovi una particolare collezione di reperti archeologici ed etnografici.

Nei dintorni: il Lago Balaton

Di fatto tutta la città oltre al suo centro storico merita una visita così come mentre sei in zona devi assolutamente recarti sulle sponde del Lago Balaton, un ampio specchio d’acqua dolce, purtroppo anche inquinato da diversi scarichi delle industrie della zona e nel quale, nonostante possa attrarre, sconsigliamo di fare il bagno.

Il Lago Balaton è meta turistica soprattutto interna, proponendo spiagge, colline vulcaniche che contornano il lago, piccole località di villeggiatura tutto disseminato nei 197 chilometri delle sue coste, per questo è chiamato mare d’Ungheria. Tutto questo è a pochissimi chilometri dal centro di Veszprém.

Tornato in città potrai cenare in uno dei tanti ristoranti della città e gustare un buon piatto di Goulasch ma con l’avvertenza che si tratta di un piatto piuttosto piccante per cui se non gradisci questo tipo di gusto ti consigliamo di orientarti verso un altro dei piatti locali non piccanti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *