Cucina in stile industriale, come illuminarla

Non è insolito applicare lo stile industriale in cucina, però non basta solamente inserire nell’ambiente cottura lampade industriali di design o rivisitare completamente il locale usando materiali come il metallo e il legno: ecco come realizzare un arredo dal design industrial con facilità e risparmiando.

Cucina industrial style, le caratteristiche

La cucina è una parte fondamentale di una abitazione, ancor più se si vuole applicare lo stile industriale. Di solito, è il soggiorno la stanza più facile per questo stile, però non è detto che una cucina in stile industriale possa essere un azzardo.

Per rendere un locale in stile industrial, bisogna focalizzarsi su alcuni elementi. Il primo è valutare i materiali. Il legno è uno dei pilastri, a patto che sia abbinato al metallo. Non importa se sia chiaro, scuro, invecchiato e nuovo, l’importante è l’abbinamento con il freddo metallo. Di solito, si inserisce nella base, ovvero nel pavimento o nel top della cucina, ma se il budget non lo consente, si possono inserire accessori in legno quali taglieri od utensili da tenere in bella vista e rafforzare l’idea dell’industrial.

Il secondo materiale per una cucina in stile industriale, non meno importante del legno in quanto bisogna abbinarlo, è il metallo. In realtà, i due materiali possono avere delle piccole varianti, ovvero alluminio, ferro latta e rame, oltre che essere abbinati anche al vetro. La cucina in stile industriale fa evidenziare il metallo soprattutto nella cappa o nei carrelli su ruote, o ancora negli elettrodomestici o gli accessori: portapane, sgabelli e piccoli decori.

Ordine, decori e luce industriale

Lo stile industriale ha bisogno di molto ordine e rigore: tutto deve essere a portata di mano e in bella mostra, per questo è molto meglio tenere tutto ordinato. I grandi banconi sono idonei per appoggiare utensili e accessori,  oppure i piccoli elettrodomestici come i robot da cucina.

Anche gli accessori come portapane e portafrutta in metallo possono essere protagonisti, ponendoli al centro dell’isola o del tavolo. Esso potrebbe essere di pietra o di legno, illuminati da lampade industriali di design oppure altre alternative per quanto riguarda l’illuminazione.

Oltre alle ottime riproduzioni made in Italy, ci sono possibilità di riutilizzo di grosse lampade utilizzate nelle fabbriche, o semplicemente, la luce della cucina viene data da lampadine in vista o cavi appesi con lampadina o lampadari da muro costituiti da pezzi di tubo, in grado di arredare tutta la parete.

A proposito di pareti: un elemento essenziale per ricreare uno stile industriale originale con complementi di arredo e accessori è quello di appendere un orologio da muro in una parete. Deve essere in stlle Anni Settanta, magari con numeri romani o fatto di legno.

Un pezzo che non dovrebbe mancare in una cucina, di qualunque arredo essa sia. Per riprodurre lo stile industriale, però, deve essere grande, visibile e riconoscibile, oltre che adornare e caratterizzare una parete bianca.

Luce in cucina, ecco l’illuminazione industriale

La luce in cucina è fondamentale, anche perché i lampadari sono importanti sia per l’illuminazione, sia per l’estetica. La scelta di una buona lampada da cucina non si limita alla comprensione delle caratteristiche legate a luminosità e consumi, bensì anche alla disposizione di lampade e lampadari. I quali, ovviamente, devono essere adeguati all’arredo scelto.

Come scegliere il lampadario perfetto per questo tipo di locale? Semplicemente, tenendo conto dello stile e tenendo conto la disposizione della stanza e la funzione della luce al suo interno. Se nell’ambiente prevale la luce naturale, ad esempio, si può riprodurre l’effetto anche durante le ore serali, oppure creare giochi di luce e ombre per arredare con stile.

O ancora, creare una luce ad hoc per agevolare questo ambiente di lavoro, ad esempio per avere una illuminazione adeguata  direzionata nei piani di lavoro e nel piano cottura. Oltre agli interruttori, per le cucine in stile industriale sono molto indicati i regolatori di intensità allo scopo di regolare la luce a proprio piacimento e risparmiare energia.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *